Campo di Viale Appio Claudio

A poca distanza dall’odierno e rinomato “Appio Claudio Tennis Club”, all’interno del Parco degli Acquedotti (vedi scheda) sorgeva fino agli anni ’90 un campo di calcio laddove oggi c’è un’area pianeggiante dalla inequivocabile di forma rettangolare. Il rudimentale impianto, circondato da una rete che ne delimitava l’accesso, era posizionato in adiacenza all’odierna suggestiva cascatella del canale dell’Acqua Mariana (vedi scheda) e ha ospitato per alcuni anni la squadra “Appio Claudio”. Gli spogliatoi erano costituiti da edifici precari, poco più che baracche con tetti in lamiera, in cui docce e i servizi scaricavano direttamente nella allora putrescente “Marana” contribuendo all’inquinamento del fiume Almone (vedi scheda), del quale l’emissario è tuttora affluente. A seguito della bonifica che ha interessato durante il primo decennio di questo secolo tutto il sedime del canale scomparso, a lungo circondato da orti e baracche abusive, l’area ha mantenuto, grazie al suo andamento pianeggiante, la vocazione sportiva che caratterizza le aree che si affacciano lungo la via Latina: oltre alle discipline individuali svolte quotidianamente dagli utenti del parco, il rettangolo è l’arena privilegiata per le partite di Cricket giocate da squadre più o meno formali di immigrati provenienti da quei paesi orientali in cui questo gioco è lo sport nazionale. La presenza delle imponenti arcate dell’Acquedotto Claudio sullo sfondo conferisce al luogo un fascino che le comunità straniere subiscono quanto i residenti storici e i turisti che si inoltrano in itinerari lontani dal centro di Roma.

 

La Via Latina raccoglie attorno a sè numerosi spazi dedicati alle attività sportive più disparate, molti dei quali risalenti alla prima metà del secolo scorso: un aspetto fondamentale per la qualità della vita e per il benessere degli abitanti dei quartieri lambiti o attraversati dalla Via, di fondamentale importanza anche per il ruolo sociale che questi assumono.

Ultime  News Pubblicate

Porta Furba

Porta Furba

L’arco di Porta Furba è il maggiore arco degli acquedotti fatti costruire da Papa Sisto V (Felice Peretti) ed è datato 1585. Sotto le sue volte scorre la Via Tuscolana, importante strada di comunicazione che collegava Roma alla campagna collegando l’area di Tor...

Gli Acquedotti

Gli Acquedotti

Autorevoli esperti hanno recentemente dichiarato che gli acquedotti romani sarebbero secondi, come importanza monumentale, solo al Colosseo. Nell’area di Tor Fiscale si trovano i resti di 6 acquedotti di epoca romana oltre all’acquedotto Felice di età rinascimentale...

Torre del Fiscale

Torre del Fiscale

In base alla tecnica costruttiva, la torre dovrebbe risalire al XIII secolo. In questo senso, i dati architettonici sono coerenti con le fonti archivistiche; infatti, il primo ricordo della torre cade nell’anno 1277, quando Riccardo Annibaldi cedette a Giovanni del...

Cinema Maestoso

Cinema Maestoso

Riccardo Morandi progettò e realizzò negli anni della crescita urbanistica del secondo dopoguerra un edificio polifunzionale, che ospita negozi, magazzini, case e un imponente cinema. Oggi il cinema è in totale abbandono e cosi le strutture commerciali, sembra in...

Parco delle Tombe latine

Parco delle Tombe latine

Al III miglio della via Latina, tra il 1857 e il 1858 ad opera di un cittadino appassionato di archeologia, Lorenzo Fortunati, si riportano alla luce i resti archeologici di un tratto considerevole di questa strada, i sepolcri con le splendide decorazioni e i resti...

PERCORSI TEMATICI